CONVIENE FARE UN CONTRATTO UMTS?

Conviene navigare nel web con una connessione UMTS?apple_iphone_3g_italia.jpg
Naturalmente no: i costi per un contratto UMTS come vedremo sono esorbitanti rispetto ad un normale contratto Adsl flat ( oggi costa circa 15-20 euro al mese) che permette di navigre a costo fisso ma in Italia se si vuole navigare in rete ‘mobile‘ c’è:  o Satellitare, WiMax, o UMTS , non dimenticandosi che i contratti spesso dicono di offire più di quello che effettivamente poi danno,  visto che in Italia l’offerta per il WiMax ( la soluzione tecnica ottimale in tutti i sensi) è ancora molto lontana dal coprire tutto il territorio, nonchè penalizzato dal fatto che le più grandi aziende che si occupano di telecomunicazioni all’epoca investirono in UMTS milioni e milioni di euro, ora ce lo vogliono far comprare per forza, per recuperare gli enormi costi,  nonostante sia tecnologia abbondantemente superata dal WiMax.
Ecco un bell’articolo che ho trovato sul web e vogli riproporVi che fà luce sui motivi per cui in Italia un contratto Umts è in pratica una specie di rapina autorizzata…

Purtroppo il Digital Divide esiste e ci sono molte zone, per lo più paesi, dove la connessione xDSL non è offerta. Per questa ragione se non si vuole usare il vecchio e vetusto modem a 56Kilobit quali sono le soluzioni possibili?

Escludendo la scelta del satellitare per gli alti costi per il doppio abbonamento e per l’hardware che va comprato, l’unica soluzione sembra rimanere quella dell’UMTS. Questa tecnologia è già morta prima di nascere. Nata fin da subito con possibilità di potenziamento pari a zero noi, stupidi Italiani, insieme alla Spagna, Francia e qualche altra nazione abbiamo comprato con soldi pubblici un brevetto inutile considerato che in Amerriga hanno capito che la strada da percorre è la Wireless.

Per poter ammortizzare il costo del brevetto ci sono stati propinati ormai da qualche anno cellulari che utilizzano tale rete di comunicazione con lo svantaggio che la carica delle batterie oggi si calcola sulle ore e non più sui giorni. La tecnologia UMTS è nata con lo scopo di passare grossi dimensione di dati MA per un tempo limitato. La prima applicazione utile sembrava essere quella delle “video chiamate”. Capito che al mercato poco interessava questo tipo di servizio si è deciso di ripiegare su internet, ma non è nata per questo scopo.

Qui nasce il problema. Chi vuole Internet oggi pretende 3 cose: Che la connessione sia stabile, che con un abbonamento forfetario possa starci tutto il tempo che vuole e che costi poco, o comunque il giusto. L’UMTS non garantisce nessuna di questi tre aspetti. La connessione non è stabile e altalenante in base al carico degli utenti e della posizione dell’antenna/ripetitori, la connessione UMTS non permette utilizzi prolungati per cui non esisterà mai un contratto FLAT e solo un pazzo userebbe eMule o i Torrent, ma soprattutto i costi per le velocità offerte non sono vantaggiosi senza dimenticare che se superi la tua quota ore assegnatati dal contratto fioccano bollette salate.

Non starò qui a fare un elenco dei contratti che attualmente potrebbero essere i più vantaggiosi considerato che ognuno ha esigenze diverse e i contratti cambiano con la stessa frequenza con cui le donne si cambiano le mutandine. Vediamo allora quali sono i passi da fare prima di comprare o sottoscrivere un contratto per navigare con l’UMTS.

  1. Trovare un contratto che PREFERIBILMENTE non vi leghi con quella azienda per uno o più anni o che i costi per recedere il contratto siano accettabili.
  2. A prescindere da quale compagnia scegliate, non fate affidamento sul vostro cellulare se mostra il logo 3g per affermare: ok ho segnale UMTS e adesso vado a farmi il contratto. La qualità del segnale è tutta una storia da provare per cui vi consiglio di sbattervi e trovare un negoziante o un amico che vi faccia provare la sua connessione.
  3. Comparare qualsiasi contratto/test sul campo con la 3 come gestore considerato che è quella che si è meglio specializzata in questo servizio. Gli altri gestori al contrario utilizzano modem con scarse qualità e specifiche tecniche, ma soprattutto hanno investito poco nelle infrastrutture, per cui potrebbe succedere che a mezzogiorno la rete sia “congestionata” e si navighi più lentamente del 56kb.

Tra tutti i miei clienti che si sono affidati a connessioni UMTS, l’azienda che è sembrata più stabile per qualità del segnale, modem usati e copertura è stata la 3. Non ho alcun legame con tale azienda, anzi, penso che siano dei ladri tanto quanto gli altri ma in zona centro italia, in altre regioni la situazione potrebbe esser differente, la 3 è quella che a sentire i miei contatti tecnici offre un segnale più potente e stabile.

Cause da considerare che potrebbero generare un cattivo segnale: bisogna considerare il modem UMTS proprio come un cellulare, perché è quella la rete che sfrutta, quindi vanno fatte tutte le considerazione del caso. Ripetitori, antenne radio, televisori, muri dell’edificio spessi o in cemento armato disturbano la qualità del segnale.

Cosa fare per aumentare il segnale: assolutamente nulla. Non esistono antenne o prolunghe che possono potenziare il segnale. Fare i rabdomanti per la casa può esser una soluzione, alcune volte. Anche la sostituzione del modem non comporta alcun vantaggio.

Fate attenzione soprattutto per chi utilizza l’umts quando è a giro che se nella zona non fosse presente copertura e tentasse di navigare, il cellulare utilizzerà la rete GSM e nella bolletta vi sarà addebitata una chiamata come se fosse roaming.
Come avete visto affidarsi all’ UMTS non è così semplice come potrebbe avvenire in condizioni normali di rete fissa. Il mio consiglio è di provarla e testare la connessione prima di sottoscrivere qualunque contratto se il vostro intento è quello di utilizzarlo come adsl di casa. E’ sicuramente più indicato l’utilizzo per colui che vuole fare fugaci navigazioni, vedere qualche video ma fine, altre tipologie di navigazione o uso della connessione si prestano male.
Si ringrazia:www.sismi.info

CONVIENE FARE UN CONTRATTO UMTS?ultima modifica: 2009-03-17T16:58:00+01:00da blogmasterpg
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento